Archivi categoria: Riviste

Lavorare il mare (“Storia e problemi contemporanei”, 63/2013)

5014174-silhouette-di-gru-portuali-del-mattino-san-pietroburgo-russiaL’ultimo numero di “Storia e problemi contemporanei” è dedicato ai lavoratori portuali e marittimi nella storia d’Italia (indice). Si segnala il respiro di alcuni contributi, dedicati a temi ampi, alla scala nazionale e su archi temporali lunghi, che ne fanno, di fatto, una vera e propria storia di un settore cruciale nello sviluppo economico italiano: Rollandi sul lavoro marittimo, Doneddu sul settore ittico, Bettini sul mercato del lavoro portuale, Giulianelli sulla cantieristica. Completano il fascicolo due studi su esperienze centrali, i portuali genovesi negli anni Settanta-Ottanta (Caligari) e Giulietti e la prima federazione sindacale (Del Rossi), e una presentazione di archivi per la marineria anconitana (Lucioli).

Annunci

«Viewpoint Magazine» su Workers’ Inquiry

viewpoint-ill-2660-x-500-shiftsLa rivista online di politica «Viewpoint Magazine» dedica il terzo numero alle inchieste sui lavoratori, partendo dalla Enquête ouvrière di Karl Marx, commissionata da «La Revue Socialiste» nel 1880. Il fascicolo, disponibile in forma gratuita sul web a questo link, contiene molti interventi che riguardano l’Italia, alcuni meritoriamente recuperati dal ‘dimenticatoio’ (come un articolo di Danilo Montaldi su L’operaio americano di Paul Romano e un paio di saggi di Romano Alquati), altri originali (Nicola Pizzolato su Torino e Detroit, Devi Sacchetto su Alquati, Leopoldina Fortunati sul suo incontro con l’operaismo e il femminismo, Alberto Toscano sul Groupe d’Information sur les Prisons, e poi Ida Dominijanni, Alisa Del Re, Sandro Mezzadra, Andrea Cavazzini).

Nelle fabbriche: intellettuali e classe (ARSS, 196-197/2013)

ARSS_196_L148A chi fosse sfuggito, ricordiamo che il numero 196-197 delle “Actes de la recherche en sciences sociales”, la rivista fondata da Pierre Bourdieu, è dedicato alle fabbriche: “Usines: ouvriers, militants, intellectuels” raccoglie interventi sulla Peugeot negli anni Ottanta-Novanta, su saperi operai e ristrutturazioni, sui quadri comunisti, sull’etnografia femminista di Glucksmann, sulla radio operaia a Longwy, sui sindacalisti brasiliani, sulla medicina del lavoro, sui ferrovieri e sui postini. Al centro, il rapporto complesso fra intellettuali e lavoratori, nel segno della dialettica fra conoscenza e militanza (indice e abstract, qui).

 

“Labor History”, 3/2013

1959-socialist-constructionQuest’estate è uscito il nuovo fasciolo di “Labor History”, che ospita articoli sulla storia sindacale in molti, diversi contesti spazio-temporali: le Mauritius coloniali del 1938, gli eroi del lavoro in Cina, i patti territoriali nella Torino odierna, e ancora portuali primonovecenteschi, ILO e Nuova Zelanda, sindacati svedesi e repressione nella Chicago postbellica. E, naturalmente, molte recensioni, di libri interessanti come Unequal desires: race and erotic capital in the stripping industry o The archaeology of class war: the Colorado Coalfield strike of 1913–1914. Buona lettura!

Una nuova rivista

Archivos-2-774x1024Sta per uscire il terzo fascicolo degli “Archivos de historia de la izquierda y el movimiento obrero”, semestrale pubblicato in Argentina ma attento a tutto il mondo della storia del lavoro.  Nel primo e secondo numero, oltre ad articoli di storia sindacale argentina, anche interventi sulla Spagna e su Georges Haupt, sulla Germania, su Flora Tristan e su David Montgomery. Maggiori informazioni sul sito della rivista.

Donne, sindacati, militanze (“CHMO”, 29/2013)

9782829004544FSL’ultimo fascicolo (n. 29, 3013) dei “Cahiers d’histoire du movument ouvrier”, il periodico dell’Association pour l’étude de l’histoire du mouvement ouvrier, è dedicato a “Femmes, syndicats, engagements” nella storia della Confederazione Elvetica.

Diamo di seguito l’indice del numero. Per gli indici dei precedenti numeri, vedi qui.

Continua a leggere