Archivi categoria: soci

Il programma ESSHC 2014, Vienna 23-26 aprile

esshc-logo-2012_0La 10ª Conferenza internazionale della rete ESSHC – European Social Science History Conference, promossa dall’attivissimo IISH di Amsterdam (International Institute for Social History), si terrà a Vienna a inizio primavera del 2014 (23-26 aprile; il programma provvisorio è consultabile a questo link. Continua a leggere

Annunci

Anna Pellegrino, La città più artigiana d’Italia. Firenze 4 giugno 2013

laboratorio-artigianoMartedì 4 giugno 2013 alle ore 17.30, nella splendida cornice della Biblioteca delle Oblate di Firenze, Giovanni Luigi Fontana (Università di Padova) e Simonetta Soldani (Università di Firenze) discutono insieme a Stefano Musso e all’autrice, il libro di Anna Pellegrino, La città più artigiana di Itallia. Firenze 1861-1929, studio dedicato alla reinvenzione della vocazione artigiana della città toscana nell’Italia unita. La locandina è scaricabile qua.

I soci (D/M)

Michele De Gregorio

Età: 37
Professione: Consulente editoriale, giornalista freelance per «Rassegna Sindacale»

Curriculum
2011: Borsa di ricerca Fulbright Scholar presso University of Minnesota (Immigration History Reseach Center) e New York University (Tamiment Library & Robert F. Wagner Labor Archives);
2009: Borsa di ricerca presso il Dipartimento di Storia dell’Università del Minnesota (Minneapolis) sotto la supervisione della Prof.ssa Donna Gabaccia
2003-2007: Dottorato di Ricerca in Storia del movimento sindacale, Dipartimento Storia e critica della politica, Università degli Studi di Teramo (Comunità immigrate e autorganizzazione sindacale. La funzione delle reti sociali tra i lavoratori del distretto dell’abbigliamento di New York, 1880-1910);
2002-2003: Borsa di studio presso City University of New York (Cuny), Graduate Center. Tutor prof. Philip Cannistraro.

Interessi di ricerca
Mi occupo di storia del movimento operaio attraverso l’approccio della Global history, dando il massimo rilievo alle interconnessioni e interdipendenze dei cambiamenti politici e sociali a livello mondiale (network analysis).
Mi interessano gli studi di storia dell’emigrazione, delle diaspore e delle reti migratorie attraverso una prospettiva globale/translocale. Progressivamente ho allargato i miei interessi, aprendomi ai nuovi temi della Urban history. In particolare intendo focalizzare la dimensione spaziale delle comunità immigrate radicali transnazionali, le molteplici forme di insediamento e organizzazione dei lavoratori migranti all’interno degli spazi urbani, in riferimento ai grandi centri urbani degli Stati Uniti, crocevia dei flussi migratori radicali tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo.

Pubblicazioni principali
Dal New Deal mondiale alla rottura della FSM: il fallimento della strategia sindacale del CIO, in «Quaderni di Rassegna Sindacale», n. 1, 2004;
La British New Left e l’umanesimo socialista, in Pier Paolo Poggio (a cura di), L’altronovecento. Comunismo eretico e pensiero critico, v. 2, Il sistema e i movimenti (Europa 1945-1989), Jaca Book, 2011;
Rasta, Beatnik e marxisti culturalisti. I disordini razziali di Notting Hill del 1958 e la nascita della New Left britannica, in «Zapruder», n. 28, maggio-agosto 2012.

Ricerche in corso
Attualmente sto svolgendo una ricerca sulle vicende della Federazione dei lavoratori del mare attraverso i collegamenti transatlantici che stabilirono i lavoratori marittimi esuli antifascisti a New York e San Francisco, tra il movimento sindacale statunitense, il PCI e i lavoratori immigrati italiani.

I soci (N/Z)

Paolo Raspadori

Posizione e istituzione di appartenenza: ricercatore non confermato di Storia contemporanea, Università degli studi di Perugia (Dipartimento di Scienze Storiche – sede di Lettere)

Indirizzo postale: Piazza Morlacchi n. 11, 06123, Perugia (ufficio)
Indirizzo email: paolo.raspadori@unipg.it

Età: 42 anni
Professione: ricercatore universitario

Curriculum
Laureatosi nel 1995 in Lettere, nel 1996 ha conseguito il diploma di alta formazione post-laurea in Storia ed economia d’impresa presso l’Icsim di Terni. Nel 2000 ha ottenuto il titolo di dottore di ricerca in Storia economica presso l’Università degli studi di Pisa. L’anno successivo ha vinto il premio “Duccio Bigazzi”, dedicato agli studi di storia dell’industria. È stato assegnista di ricerca in Storia contemporanea dal 2001 al 2002 presso l’Università degli studi di Perugia. Dal 2002 al 2010 è stato docente in ruolo di Lettere alle scuole medie e dal maggio 2007 al gennaio 2011 è stato membro del consiglio scientifico della rivista «Proposte e ricerche» (dal gennaio 2011 fa parte del Comitato di redazione). Dal 1° ottobre 2010 è ricercatore non confermato di Storia contemporanea presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Perugia.

Interessi di ricerca
Si è interessato prevalentemente di storia del lavoro e dell’impresa industriale (sia a livello nazionale che locale), ma anche di fascismo, seconda guerra mondiale e rapporto tra cultura e qualità della vita in prospettiva storica.

Pubblicazioni principali
Lavoro e relazioni industriali alla Terni, 1900-1914. Gli uomini dell’acciaio, Ancona, Quaderno monografico di «Proposte e ricerche» n. 27, 2001;
L’autorità debole. Il Comitato di Liberazione Nazionale di Spoleto attraverso i verbali delle sue riunioni (1944-1946), Perugia, CRACE, 2003;
Inequality and Culture: Geographical Differences in the Access to Cultural Enrichment in Italy (1863-1992), in «Continuity and Change», 26 (2011), n. 2.

Ricerche in corso
Attualmente si sta occupando delle professioni nei servizi alberghieri e della ristorazione in Italia tra fine ‘800 e metà ‘900 e delle politiche sociali attivate dalle grandi aziende industriali italiane nel XX secolo.

Pubblicazioni recenti
Un’eroica sconfitta: i licenziamenti alle acciaierie di Terni nei primi anni Cinquanta, in «Studi Storici», XLVII (2006), n. 1;
Fare carriera in acciaieria. Percorsi professionali degli operai della Società Terni tra anni Venti e Cinquanta del Novecento, in Registri del personale e classe operaia italiana, a cura di Ilaria Suffia, Milano, Guerini & Associati, 2010;
Lavorar servendo. Occupazione, condizioni di impiego e attività sindacale dei camerieri italiani tra gli anni ottanta dell’Ottocento e la prima guerra mondiale, in Cameriere e cameriera. Una storia culturale, a cura di Konrad Köstlin, Andrea Leonardi e Paul Rösch, Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2011

I soci: ISGREC

Istituto storico grossetano della resistenza e dell’età contemporanea (ISGREC)
Via dei Barberi, 61 – 58100 Grosseto
direzione@isgrec.it

Profilo
L’ISGREC è stato fondato nel 1993 e aderisce alla rete INSMLI (Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione). Si occupa di didattica della storia e di ricerca, a partire dalla storia contemporanea locale ma spaziando anche su temi più vasti; ad esempio: didattica della storia del confine orientale, i volontari toscani nella guerra civile spagnola, la pratica psichiatrica nelle situazioni senza manicomio, la persecuzione degli ebrei nella provincia di Grosseto e in Toscana. Interviene nelle scuole e sull’intero territorio provinciale alle scadenze indicate dal cosiddetto “calendario civile”. Promuove e sostiene specifici progetti didattici. Ha condotto ricerche sullo sviluppo economico locale, sulla città di Grosseto dal punto di vista della toponomastica e dell’urbanistica, sui gruppi dirigenti locali, sulla riforma agraria, sulla storia delle miniere.
Direttore: Prof.ssa Luciana Rocchi. Altre informazioni sul sito.

Interessi di ricerca
– Storia dell’antifascismo e della resistenza
– Storia politica, economica e sociale del territorio
– Storia dell’agricoltura e dell’industria mineraria
– Didattica della storia
– Cittadinanza e Costituzione

Pubblicazioni principali
– S. Duranti, Studiare nella crisi. Intervista a studenti universitari negli anni del fascismo, Effigi, 2011
Volontari antifascisti toscani nella guerra civile spagnola, a cura di I. Cansella e F. Cecchetti, Effigi, 2012
Conoscenza, innovazione & sviluppo. Un futuro possibile per il sistema territorio della provincia di Grosseto, a cura della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Edizioni ISGREC, 2009 (con un contributo di Luciana Rocchi)

Ricerche in corso
– Il fascismo nella provincia di Grosseto (direzione: Valeria Galimi)
– L’industria estrattiva dopo il disastro minerario di Ribolla
– “Carte da legare”. Gli archivi dei servizi psichiatrici in Toscana (direzione: Patrizia Guarnieri)

Pubblicazioni recenti
– Contributi di A. Turbanti e M. Fiorani in: Ribolla, una miniera, una comunità nel XX secolo, Polistampa, 2005
– A. Turbanti, Una primavera memorabile, un autunno perduto, in: Cento anni del sindacato minatori, Filcea Cgil Grosseto, 2002
– B. Solari, Le amiche della miniera di Ribolla, Effigi, 2007

I soci: Teresa Isenburg

Teresa Isenburg

Posizione e istituzione di affiliazione/appartenenza: Dipartimento di studi internazionali, politici e storico-politici, Università degli studi di Milano
Età: 68
Professione: Professore ordinario di Geografia politica ed economica

Profilo
– Assistente di Geografia presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Milano dal 1968;
– professore incaricato a Ferrara, Venezia, Bologna fra 1977 e 1982, Facoltà di Lettere;
– professore associato di Geografia politica ed economica a Bologna, Facoltà di Lettere e Filosofia dal 1983; a Pavia, Facoltà di Scienze Politiche dal 1985;
– ordinario della stessa disciplina a Firenze, Facoltà di Lettere  dal 1994 e a Milano, Facoltà di Scienze Politiche dal 2002

Interessi di ricerca
Ho studiato e studio il governo delle acque e l’organizzazione del territorio; l’economia illegale e la produzione sociale dello spazio; il Brasile, con attenzione a tematiche agrrarie, all’Amazzonia e allo Stato di San Paolo

Pubblicazioni principali
Investimenti di capitale e organizzazione di classe nelle bonifiche ferraresi (1872-1901), Firenze, La Nuova Italia 1971
Acque e stato. Energia, bonifiche e irrigazione in Italia fra 1930 e 1950, Milano, Angeli, 1981
Lo spazio agricolo brasiliano (curatela), Milano, Angeli 1986

Ricerche in corso
Agricoltura nello stato di Minas Gerais (Brasile), la partecipazione brasiliana alla II Guerra mondiale, acqua e tecnica nel Ferrarese nell’800.

Pubblicazioni recenti
Legale/illegale: una geografia, Milano, Edizioni Punto Rosso 2000
Conoscenza e governo dei fiumi: a proposito del Po, in Comune di Lodi – Provincia di Lodi – Consorzio di bonifica Muzza Bassa Lodigiana – Archivio storico comunale di Lodi, Uomini e acque. Il territorio lodigiano tra passato e presente, a cura di Giorgio Bigatti, Lodi, Giona 2000
L’Amazzonia e la foresta, Milano, Jaca Book 2012